TESTIMONIANZE
DAI VOCE
ALLA TUA STORIA.
È IMPORTANTE.

La tua storia ha un valore che non si può misurare. Raccontacela per dare coraggio e speranza a chi pensa di essere solo nella sua battaglia. Insieme siamo più forti.

TESTIMONIANZE
MARIA LUISA

LA STORIA DI MARIA LUISA – IL VALORE DI UNO ZERO

La mia storia inizia dalla scoperta della vita dentro di me, una sorellina o un fratellino per il mio piccolo Jacopo; era già la seconda esperienza di gravidanza, ma sentivo che qualcosa non era uguale, sentivo di spegnermi giorno dopo giorno e la mancanza di forza si univa a segni strani sul mio corpo, come lividi e linfonodi, che destavano in me mille dubbi.

Fu circa una settimana dopo che la ginecologa mi consigliò di fare dei test per capire se avessi qualche infezione, ma tutto risultò negativo.

Quanto più la vita cresceva dentro di me, tanto più mi indebolivo, come un fiore che anziché crescere, appassisce sempre di più; l’emocromo rivelò che il mio organismo aveva perso il suo equilibrio ancestrale e che i linfociti si riproducevano all’impazzata: 90% di blasti, Leucemia Linfoide Acuta.

Il ricovero mi portò via da mio figlio di 21 mesi, dal bagnetto, dai suoi giochi, dai colori della sua splendida infanzia, dalla mia casa, dalle mie sicurezze quotidiane, dalle abitudini, dai pensieri giornalieri; c’eravamo io e mio marito, in una stanzetta del pronto soccorso, distrutti ed esanimi, senza più lacrime, stretti in un inconsolabile abbraccio, mentre dalla finestra arrivavano le canzoni di un karaoke a villa Torlonia, una musica lontana per noi, quasi fastidiosa.

Dal giorno dopo tutto mi arrivò addosso come una tempesta, un mare di informazioni, di parole, di definizioni; si trattava di philadelphia positivo, una mutazione genetica di un cromosoma, e mi dissero che nel diagramma della sfortuna, ero fortunata perché esisteva da una decina di anni la cura specifica: una pillola che mi avrebbe curata (inibitore della tirosinchinasi), evitando molta chemioterapia e forse anche il trapianto di midollo.

Intanto la vita continuava a crescere dentro di me, mi chiedevo come si fosse generata in un corpo già malato, come facesse a crescere, ma la risposta arrivò tanto tempo dopo, quando compresi che forse aveva avuto il compito di rivelarmi il più velocemente possibile che stavo male.

Dal giorno in cui gli dissi addio, iniziarono le cure, difficili, la presa di coscienza, lì dentro, dove i dottori si prendevano cura di me, con sorrisi rassicuranti, abbracci e parole che davano coraggio, mentre la mia compagna di stanza infondeva in me quel concetto astratto, ma concreto, di speranza.

Si susseguirono altri ricoveri, chemioterapia e caduta dei capelli, tutto in tre velocissimi mesi, in cui mi perdevo i primi discorsi sensati di mio figlio, i suoi sorrisi, le sue lacrime, le sue passeggiate al parco.

Durante le notti insonni in ospedale bramavo di ritornare alla mia routine con nuove consapevolezze e con la voglia di soffermarmi su ciò che in quel momento mi sfuggiva, come l’odore di mio figlio, la sensazione delle lenzuola fresche del mio letto o della sveglia che suona la mattina.

Quando tornai a casa dopo l’ultimo ricovero, temevo che non mi avrebbe riconosciuta, avevo il timore di togliermi la parrucca e di fargli vedere quanto mi sentissi disperata; non volevo che il male lo intaccasse, non volevo fargli sentire la mia angoscia senza riuscire a consolarlo.

Ma inaspettatamente era a conoscenza di tutto, senza il bisogno che io glielo raccontassi. Infatti fu lui a consolarmi. Con i suoi occhi grandi, la bocca spalancata, guardava la mia testa pelata e diceva: “Mamma, sei ritornata piccola!”.

Queste parole diedero il senso a tutta la mia sofferenza, le sue manine accarezzavano la mia testa e la sua incoscienza rendeva tutto normale e mi aiutava a spazzare via la crudeltà della sofferenza di quei giorni.

Iniziava così nuovo percorso, una rinascita e, aggrovigliata all’amore dei miei cari, imparavo di nuovo a camminare e, ad ogni passo, sentivo tornare le forze e la voglia di vivere si faceva sempre più impetuosa.

Sono passati 5 anni ed io sono ancora qui; quando le persone mi definiscono forte e magica, credo che sia il loro modo di esorcizzare la paura. Io sono solo più consapevole della mia interiorità, ho avuto modo di conoscermi fino in fondo ed amo la vita, ogni singolo istante, ogni respiro che mi fa sentire viva e partecipe di me stessa.

Oggi più che mai comprendo le parole dei medici, e la fortuna di cui parlano è rappresentata dalla ricerca e da chi, come la mia dottoressa, fa dello studio una missione di vita; a questo si aggiunge il totale senso di sicurezza, di affetto e di fiducia che lei mi trasmette anche senza parole; l’inibitore oggi funziona, domani non lo so ma, grazie a leiil mio bicchiere è mezzo pieno.

Concludo dicendo che, prima di ammalarmi, avevo la fobia delle pillole e mi rifiutavo di ingoiarle, adesso invece è proprio una pillola a salvarmi la vita, un paradosso che ad ogni mio risveglio mi fa sorridere e sentire fortunata, incerta sul futuro, ma consapevole che ogni giorno è un regalo.

RACCONTACI LA TUA STORIA

Compila il form, scrivi la tua storia e inviala.
La pubblicheremo su questa pagina

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.

Gentile Signore/a,

ai sensi dell’articolo 13 del GDPR, La informiamo che AIL – SEZIONE ROMAIL VANESSA VERDECCHIA ODV (di seguito “ROMAIL”) in qualità di Titolare del trattamento, tratterà – per le finalità e le modalità di seguito riportate – i dati personali da Lei forniti e/o acquisiti nel corso della testimonianza fornita:

  1. Dati anagrafici (Nome, cognome)
  2. Dati particolari, idonei a rilevare lo stato della salute ricavabili dal contributo fornito.
  3. Immagini fotografiche
  4. Registrazione audio dell’intervista
  1. Base giuridica e finalità del trattamento.

Il trattamento anzidetto è fondato sul Suo consenso ed è finalizzato a veicolare il messaggio ROMAIL di sensibilizzazione alla mission dell’Associazione e la lotta contro le malattie del sangue.

  1. Modalità del trattamento

Il trattamento dei Suoi dati personali è realizzato con l’ausilio di mezzi elettronici, per mezzo delle operazioni indicate all’art.4 n. 2) del GDPR e precisamente: il trattamento dei Suoi dati personali potrà consistere nella raccolta, registrazione, organizzazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati.

  1. Obbligatorietà del conferimento

Il conferimento dei dati che precede è obbligatorio. In difetto l’Associazione non potrà pubblicare il contributo sul Giornale.

 

  1. Ambito di comunicazione dei dati

Dei Suoi dati potranno venirne a conoscenza in qualità di incaricati del trattamento, personale di ROMAIL appositamente nominato, nonché la società che si occupano della stampa e distribuzione del Giornale, in qualità di Responsabile del trattamento. Inoltre, il contributo potrà essere riprodotto nell’ambito di conferenza stampa/incontri organizzati da ROMAIL, nonché sull’house organ dell’Associazione, il giornale “NOI ROMAIL”.

Il contributo e le immagini fotografiche potranno essere pubblicate sul sito e gli altri canali social ROMAIL

  1. Trasferimento dei dati all’estero.

5.1. I dati personali sono conservati su server ubicati in Italia. Resta in ogni caso inteso che il Titolare, ove si rendesse necessario, avrà facoltà di spostare i server anche extra-UE. In tal caso, il Titolare assicura sin d’ora che il trasferimento dei dati extra-UE avverrà in conformità alle disposizioni di legge applicabili ed in particolare quelle di cui al Titolo V del GDPR.

5.2. Al di fuori delle ipotesi di cui al punto 5.1., i Suoi dati non saranno trasferiti extra–UE

  1. Periodo di conservazione dei dati

6.1 I dati che precedono verranno conservati per 10 anni.

6.2. La verifica sulla obsolescenza sui dati oggetto di trattamento rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti e trattati viene effettuata periodicamente.

 

  1. Titolare del trattamento

AIL – SEZIONE ROMAIL VANESSA VERDECCHIA ODV

Via Rovigo, 1

00161 – Roma

Pec: amministrazioneromail@pec.it

 

  1. Responsabile della protezione dei dati

ROMAIL ha nominato un responsabile per la protezione dei dati, i cui contatti sono:

dpo@romail.it.

  1. Diritti dell’interessato

In qualunque momento potrà conoscere i dati che La riguardano, sapere come sono stati acquisiti, verificare se sono esatti, completi, aggiornati e ben custoditi, chiederne la rettifica o la cancellazione ai sensi degli artt. 16 e 17 GDPR. Avrà inoltre diritto ricevere i dati personali da Lei forniti e trattati con il suo consenso, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e di revocare in qualsiasi momento il consenso eventualmente prestato relativamente al trattamento dei dati.

Ai sensi dell’art. 21 GDPR, avrà il diritto di opporsi in tutto od in parte, al trattamento dei dati per motivi connessi alla Sua situazione particolare; qualora i dati siano trattati per finalità di marketing diretto avrà il diritto di opporsi in ogni momento al relativo trattamento per tale finalità.

Tali diritti possono essere esercitati attraverso specifica istanza da indirizzare tramite raccomandata – o pec – al Titolare del trattamento.

Ha inoltre diritto di proporre reclamo al Garante per la Protezione dei Dati Personali.


    DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI


    Letta l’informativa che precede



    acconsento al trattamento dei miei dati personali, ivi compresi quelli particolari, per le finalità ivi indicate.*


    LIBERATORIA ALL'UTILIZZO DELLE IMMAGINI

    Autorizzo ROMAIL alla pubblicazione delle immagini, riprese e/o fotografie che mi ritraggono sulla rivista cartacea "NOI ROMAIL" e sul sito web istituzionale "ailroma.it" e/o sui canali social istituzionali. Autorizzo altresì, secondo le esigenze tecniche, eventuali modifiche delle immagini fornite.
    La presente autorizzazione non consente l'uso dell’immagine in contesti che pregiudichino la dignità personale ed il decoro e comunque per uso e/o fini diversi da quelli sopra indicati.
    Confermo di non aver nulla a pretendere in ragione di quanto sopra indicato e di rinunciare irrevocabilmente ad ogni diritto, azione o pretesa derivante da quanto sopra autorizzato.*

    2021-02-08T16:31:46+00:00
    Torna in cima