TESTIMONIANZE
DAI VOCE
ALLA TUA STORIA.
È IMPORTANTE.

La tua storia ha un valore che non si può misurare. Raccontacela per dare coraggio e speranza a chi pensa di essere solo nella sua battaglia. Insieme siamo più forti.

TESTIMONIANZE
ROSALBA

LA STORIA DI ROSALBA – VOGLIO VEDERE LA VITA E LA SPERANZA

Ho cominciato a fare la volontaria per RomAIL 27 anni fa. Posso dire allora di aver visto crescere sia l’associazione che Casa Vanessa.

Era il 1994, il primo anno delle uova di Pasqua e mi occupavo dello stivaggio delle varie confezioni nel palazzetto del professor Dante Manfredi. Poi ho incontrato la signora Vanella Imperatori e lei mi ha chiesto di fare la volontaria in modo un po’ più organico.

Abitavo a via dei Colli Portuensi e andai a parlare con la capo-piazza di lì. Dopo due o tre anni lei e il marito hanno lasciato l’Associazione e Anna Verdecchia mi chiese: “Rosalba, vuoi prendere tu la responsabilità dei Colli Portuesi?”. Io dissi: “Perché no?” e così mi sono rimboccata le maniche.

Ho coinvolto il quartiere, le amiche, i negozianti, tutti mi conoscevano. RomAIL all’inizio faceva poche cose, ma con il passare del tempo si moltiplicavano gli eventi, le iniziative ed anche il tempo da dedicare cresceva. Il Professor Mandelli veniva sia per le stelle di Natale che per le uova di Pasqua a trovarci in piazza tutti gli anni e mi faceva sentire importante.

Con tutti i volontari aveva un rapporto meraviglioso, di grande motivazione e coinvolgimento così che anche quello arrivato per ultimo si sentiva importante. Era un passo dopo l’altro, una crescita esponenziale, sempre con una tendenza di positività: il lavoro aumentava ma pure l’entusiasmo. E questo era ed è bellissimo.

Poi mi sono ammalata nel novembre 2002 e a dicembre stavo sotto chemio. Sono stata chiusa un mese in camera sterile. La diagnosi fu di leucemia promielocitica, una brutta bestia.

Entrai in reparto mercoledì pomeriggio e il giovedì mattina alle 6,30 il Professor Mandelli apre la porta della camera come una furia e mi dice: “Rosalba, che ci fai qui?”. “Caro professore – risposi – ce l’hanno in tanti, ce l’ho pure io”. “Fino a due anni fa – mi disse Mandelli – la leucemia promielocitica era una delle peggiori, ma adesso ci sono farmaci che ci fanno ben sperare”. “Allora sono pure fortunata, ho aspettato che uscissero questi farmaci” dissi ridendo.

Sono sempre stata molto attiva, mi davo da fare e la piazza dei Colli Portuensi era diventata una delle più performanti di Roma. Quindi all’Istituto mi coccolavano tutti. Dalla finestra della mia camera vedevo Anna Verdecchia e Roberto Bertoi che mi salutavano dagli uffici di RomAIL e anche questo mi serviva. Alle stelle di Natale del 2002 la gente chiedeva: “Ma dov’è la signora coi capelli rossi?”. “La signora ha la leucemia ed è ricoverata” rispondevano.

Allora la vendita delle Stelle fece un salto enorme, tutto il quartiere diceva: “Dobbiamo aiutare la ricerca e ROMAIL per la signora coi capelli rossi”. Poi, la signora coi capelli rossi a Pasqua del 2003 è tornata in piazza, certo stavo seduta su una sedia, ma la gente mi vedeva e diceva: “Evviva, la signora è viva, ce l’ha fatta”. Poi, nel 2015 il professore mi ha chiamato il giorno stesso che sono andata in pensione: “Rosalba, ti va di lavorare alla Residenza Vanessa?”

Oggi sono io, Rosalba, che con l’insegnamento e l’esempio di Zia Rosy, dedico il mio tempo a gestire la Casa AIL. E così cominciò. Era una casa vera e propria, e io già me la immaginavo come sarebbe diventata oggi e come sarà domani. Il mio lavoro è fare della Residenza un posto gioioso perché la sofferenza della malattia ognuno ce l’ha dentro ma il contesto esterno deve essere diverso.

Voglio un posto che, quando entra qualcuno dei residenti dica: “Sono a casa”. Cerco di far scegliere anche a loro, chiedere consigli, ascoltare suggerimenti. Insomma, coinvolgere le famiglie dei piccoli ospiti perché sentano questa come casa loro.

Ho fatto fare un murale nella sala ristoro allegro, con i pesciolini, una finestra che è il sole e una barchetta che è RomAIL. Abbiamo un dondolo in giardino. Poi faremo la ristrutturazione della cucina, ritinteggeremo le stanze con colori vivaci in modo che i bambini e i genitori si sentano circondati dalla luce.

Tutti i giorni sono qui dalle 7,30 alle 13,30. C’era una bacheca con tante foto di vecchi ospiti della casa. Purtroppo alcuni di loro non ce l’hanno fatta e non mi sembrava giusto tenerle lì, soprattutto quelle dei bambini. Non voglio nascondere i problemi né la realtà e non voglio nemmeno cancellare pezzi di vita di altri che sono passati da qui.

Ma quando i nuovi bambini mi chiedevano, indicando le foto: “Chi è questo? Dove sta?” mi riusciva difficile rispondere. Io voglio vedere la vita e la speranza.

A tutti i bambini che arrivano chiedo di fare un quadro e ci sono attaccati alle pareti tutti i lori disegni o dipinti. Ognuno con la propria cornice. Non sono né Picasso né Guttuso ma per me hanno un valore molto più alto.

Qui c’è un insieme di etnie e culture di mezzo mondo e questa è una ricchezza bellissima. Ho organizzato un pranzo in cui ognuno ha cucinato una cosa del proprio Paese. È stata una esperienza molto bella, di grande unione tra gli ospiti delle varie stanze. Sul tavolo c’era di tutto, dal cous cous ai dolci.

Oppure a Carnevale, in cui tutti si mascherano, perfino io. Poi, oltre alla Residenza Vanessa, c’è sempre Colli Portuensi e i volontari sono impazienti. “Rosalba, quando cominciamo?”.

Io poco prima delle manifestazioni organizzo una cena a casa mia con tutti e li stresso: “Ahò, quest’anno dobbiamo fare di più, mi raccomando…”. Faccio come i manager rompiscatole, perché io, un po’ rompiscatole lo sono davvero.

RACCONTACI LA TUA STORIA

Compila il form, scrivi la tua storia e inviala.
La pubblicheremo su questa pagina

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.

Gentile Signore/a,

ai sensi dell’articolo 13 del GDPR, La informiamo che AIL – SEZIONE ROMAIL VANESSA VERDECCHIA ODV (di seguito “ROMAIL”) in qualità di Titolare del trattamento, tratterà – per le finalità e le modalità di seguito riportate – i dati personali da Lei forniti e/o acquisiti nel corso della testimonianza fornita:

  1. Dati anagrafici (Nome, cognome)
  2. Dati particolari, idonei a rilevare lo stato della salute ricavabili dal contributo fornito.
  3. Immagini fotografiche
  4. Registrazione audio dell’intervista
  1. Base giuridica e finalità del trattamento.

Il trattamento anzidetto è fondato sul Suo consenso ed è finalizzato a veicolare il messaggio ROMAIL di sensibilizzazione alla mission dell’Associazione e la lotta contro le malattie del sangue.

  1. Modalità del trattamento

Il trattamento dei Suoi dati personali è realizzato con l’ausilio di mezzi elettronici, per mezzo delle operazioni indicate all’art.4 n. 2) del GDPR e precisamente: il trattamento dei Suoi dati personali potrà consistere nella raccolta, registrazione, organizzazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati.

  1. Obbligatorietà del conferimento

Il conferimento dei dati che precede è obbligatorio. In difetto l’Associazione non potrà pubblicare il contributo sul Giornale.

 

  1. Ambito di comunicazione dei dati

Dei Suoi dati potranno venirne a conoscenza in qualità di incaricati del trattamento, personale di ROMAIL appositamente nominato, nonché la società che si occupano della stampa e distribuzione del Giornale, in qualità di Responsabile del trattamento. Inoltre, il contributo potrà essere riprodotto nell’ambito di conferenza stampa/incontri organizzati da ROMAIL, nonché sull’house organ dell’Associazione, il giornale “NOI ROMAIL”.

Il contributo e le immagini fotografiche potranno essere pubblicate sul sito e gli altri canali social ROMAIL

  1. Trasferimento dei dati all’estero.

5.1. I dati personali sono conservati su server ubicati in Italia. Resta in ogni caso inteso che il Titolare, ove si rendesse necessario, avrà facoltà di spostare i server anche extra-UE. In tal caso, il Titolare assicura sin d’ora che il trasferimento dei dati extra-UE avverrà in conformità alle disposizioni di legge applicabili ed in particolare quelle di cui al Titolo V del GDPR.

5.2. Al di fuori delle ipotesi di cui al punto 5.1., i Suoi dati non saranno trasferiti extra–UE

  1. Periodo di conservazione dei dati

6.1 I dati che precedono verranno conservati per 10 anni.

6.2. La verifica sulla obsolescenza sui dati oggetto di trattamento rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti e trattati viene effettuata periodicamente.

 

  1. Titolare del trattamento

AIL – SEZIONE ROMAIL VANESSA VERDECCHIA ODV

Via Rovigo, 1

00161 – Roma

Pec: amministrazioneromail@pec.it

 

  1. Responsabile della protezione dei dati

ROMAIL ha nominato un responsabile per la protezione dei dati, i cui contatti sono:

dpo@romail.it.

  1. Diritti dell’interessato

In qualunque momento potrà conoscere i dati che La riguardano, sapere come sono stati acquisiti, verificare se sono esatti, completi, aggiornati e ben custoditi, chiederne la rettifica o la cancellazione ai sensi degli artt. 16 e 17 GDPR. Avrà inoltre diritto ricevere i dati personali da Lei forniti e trattati con il suo consenso, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e di revocare in qualsiasi momento il consenso eventualmente prestato relativamente al trattamento dei dati.

Ai sensi dell’art. 21 GDPR, avrà il diritto di opporsi in tutto od in parte, al trattamento dei dati per motivi connessi alla Sua situazione particolare; qualora i dati siano trattati per finalità di marketing diretto avrà il diritto di opporsi in ogni momento al relativo trattamento per tale finalità.

Tali diritti possono essere esercitati attraverso specifica istanza da indirizzare tramite raccomandata – o pec – al Titolare del trattamento.

Ha inoltre diritto di proporre reclamo al Garante per la Protezione dei Dati Personali.


    DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI


    Letta l’informativa che precede



    acconsento al trattamento dei miei dati personali, ivi compresi quelli particolari, per le finalità ivi indicate.*


    LIBERATORIA ALL'UTILIZZO DELLE IMMAGINI

    Autorizzo ROMAIL alla pubblicazione delle immagini, riprese e/o fotografie che mi ritraggono sulla rivista cartacea "NOI ROMAIL" e sul sito web istituzionale "ailroma.it" e/o sui canali social istituzionali. Autorizzo altresì, secondo le esigenze tecniche, eventuali modifiche delle immagini fornite.
    La presente autorizzazione non consente l'uso dell’immagine in contesti che pregiudichino la dignità personale ed il decoro e comunque per uso e/o fini diversi da quelli sopra indicati.
    Confermo di non aver nulla a pretendere in ragione di quanto sopra indicato e di rinunciare irrevocabilmente ad ogni diritto, azione o pretesa derivante da quanto sopra autorizzato.*

    2021-02-08T17:50:05+00:00
    Torna in cima